Tributo a una specie in via di estinzione

| Posted in | Posted on 13:50

1

Che succede quando nevica fitto fitto, le colline si imbiancano e le strade diventano ben presto candide piste scivolose? Prendi la macchina e parti. Se però non hai il mezzo giusto va a finire che ti fai superare da una scatoletta verde con i griglioni paravacche.

L'indimenticata Panda 4x4, la regina delle nevi. L'ho rimessa in funzione dopo un paio d'anni di imborghesimento Volkswagen e mi ha ridato lo stesso brivido di un tempo, la stessa paura che qualcosa, qualsiasi cosa possa andare storta da un momento all'altro. Una sensazione che ti fa sentire vivo e ti fa capire che quella che stai guidando è semplicemente un auto, nulla di più o di meno. La soddisfazione poi, di superare facoltosi Cheyenne o ingombranti Mercedes che si trovano a proprio agio sulla neve come un monaco tibetano a New York. I parcheggi inoltre richiedono una buona dose di braccia perchè il servosterzo è un invenzione del futuro, da sfaticati. Incredibilmente il volante della Panda vibra ai 120 orari ma smette di vibrare sui 130... secondo la mia analisi si tratta di un principio di decollo, ma mi sto informando su riviste di aeronautica per capire meglio il fenomeno...

Insomma, su quella macchina ho imparato a guidare, a partire in seconda perchè la prima dura due metri da tanto è corta, a fare i frenamano nei parcheggi innevati, a ribaltare il sedile con un solo, fluidissimo gesto... Una via di mezzo tra un'amorevole zia, un mentore e un'alcova.

Ho sentito più o meno sempre lo stesso parere sulla nuova versione CD-MP3-servosterzo-servofreno-giuntoviscoso-quantomecosta. Dicono che va bene, sì, ma mai come l'antenata squadrata, uno dei pochi parti felici della FIAT negli ultimi anni.

13 anni, 100.000 km, motore che strattona in salita, cigolii compresi nel prezzo.
Credo che mi terrò ancora un bel po' il mio bel carciofino verde...

Per gentile concussione

| Posted in | Posted on 09:38

0



"Uno dei più grossi problemi di Palermo è il traffico!"

Ho come l'impressione che la sfacciataggine con la quale si amministra lo stato stia realmente ritarando la morale comune. L'IM (Italiano Medio) ha notoriamente un'armadio popolato da piccoli e grandi scheletri (tanti da sembrare il prossimo film di Tim Burton). Il problema, forse, è che per questa ragione giustifica sempre di più chi dovrebbe avere la ramazza in mano per fare una metaforica pulizia nelle coscienze dei cittadini, chi dovrebbe essere d'esempio, almeno un po'.

Ma in fondo, si può chiedere questo a degli uomini che hanno stipendi esorbitanti, potere a iosa e che dettano le regole del gioco essendone loro stessi giocatori? L'animo del politico è sovente turbato da amletici dilemmi clientelari e la sua agenda è zeppa di impegni, sia che riguardino il parlamento che i numerosi favori da ricambiare. Tutto ovviamente per il bene dello Stato (di fatto) e dei cittadini. Poverino, me lo immagino affannato a far di conto sul sudoku del Metro mentre a caso vota leggi zoppe in mezzo alle ingiurie dei deputati.

Come una specie protetta il politico andrebbe analizzato, studiato per capire come possa ancora esistere una categoria così obsoleta e impunita nell'era di internet, dell'informazione e dell'emancipazione mentale di massa. Emancipazione di massa non pervenuta? Touché...
Forse in Itaglia il politico adulto trova il suo habitat ideale, dove può riprodursi e aggregarsi ai suoi simili durante stagioni dell'accoppiamento durante le quali si manifestano e gonfiano il petto con danze dell'amore chiamate "promesse elettorali" che durano l'intero arco di uno scrutinio. L'humus morale che dilaga è fertile per questo essere che si ciba di sensi di colpa, ondate umorali collettive, ignoranza e mancanza totale di senso civico.

Non si può pretendere qualcosa dagli altri senza prima pretenderlo da sé stessi. Un esame di coscienza di tutti non farebbe male.
Il problema è che il suo effetto durerebbe ancor meno di uno spot di MondialCasa.

Better and better and better

| Posted in , , , , | Posted on 22:32

0

Perchè sciropparsi un'ora e mezza di Keynote quando il succo di tutto il discorso è riassumibile in un minuto?



PS: complimenti per il MacBook Air, ma soprattutto complimenti a Mahalo Daily per il video.