007 - Casino Royale

| Posted in , | Posted on 21:20


Era un po' che volevo scrivere qualcosa sull'ultimo 007. Personalmente sono un grande ammiratore del Bond-Connery e i suoi successori non mi sembravano all'altezza del "grande vecchio". La prova di Pierce Brosnan, seppur meritevole, faceva rimpiangere i tempi dello smoking sotto la tuta da sub e la paleo-tecnologia ingenua contro i dominatori del mondo più assortiti.
La figura di Bond andava reinventata e attualizzata, il perfetto fighetto che era stato Sean Connery doveva sporcarsi di più le mani, per far presa, forse, su un pubblico più moderno.
Ebbene, il nuovo JB è un omaccione alto, biondo e con gli occhi azzurri con una faccia da pugile e lo sguardo truce, all'anagrafe Daniel Craig.
Altro che il toupet impeccabile di Connery, qui il nostro eroe rischia veramente lo scalpo e in una scena freudianamente traumatizzante rischia pure qualcos'altro, (chi l'ha visto sa di cosa parlo...).
Il fascinoso agente segreto britannico appare finalmente come un umile mortale esposto ai sentimenti e al dolore, addirittura sprovvisto dei gadget tecnologici che lo contraddistinguevano nei precedenti film. Messo a nudo, il personaggio si rinnova come un impetuoso e disobbediente agente del bene che si fa avanti con i pugni chiusi, se necessario.

Le ambientazioni sono le più varie, dall'Italia ai Caraibi fino al Montenegro, dove il Nostro Eroe dovrà combattere il cattivone Le Chiffre (Mads Mikkelsen)a colpi di poker in una partita milionaria. Di contorno tanta azione comunque sempre ben coreografata e ottimi gli attori che lo accompagnano, a partire dalla Bond-girl Eva Green e soprattutto un sempre presente e sempre in forma Giancarlo Giannini, il prodotto italiano più rispettato dagli Americani, dopo la pizza.

Un cenno dovuto ai titoli di testa la cui grafica, abbinata al tiro della canzone di Chris Cornell (ex Soundgarden e Audioslave) "You Know my Name", lascia a bocca spalancata.



Bel film d'azione, insomma: curato, divertente e piacevole con elementi nuovi su una traccia indelebile ma ormai un po' logora di un personaggio che oramai è un classico dei nostri tempi.

Comments (1)

Bello davvero...

Posta un commento